Karshian

Popolazione stimata: Circa 12 Miliardi
Lingue nazionali: Vahrita
Tipo di governo: Oligarchia matriarcale meritocratica
Capo dello stato: Matrona Dehianira
Capitale: Vydil
Sistemi Controllati: sei

Visione d’insieme

I Karshian, dalla società matriarcale, sono fra le razze più evolute della Stellar League. Sono umanoidi molto alti dalla carnagione viola, soggetta alle sfumature più disparate quando riflette la luce. Le donne mostrano delle formazioni ossee sulla fronte simili a corna ondulate che tendono a perdersi nella massa di capelli, rigorosamente lunghi per tradizione. Sul corpo presentano delle linee più chiare, retaggio genetico della genitrice che ne rivela il ruolo al momento del parto, secondo l’interpretazione data dalle anziane. I maschi, di contro, sono del tutto glabri e privi delle formazioni ossee; tendono ad essere di poco più robusti delle donne e i simboli sul loro corpo sono più semplici, segno delle attività più umili a cui sono destinati. Sono mammiferi e come tali si riproducono. I parti gemellari sono la norma e non l’eccezione.
La loro tecnologia è una fusione perfetta di misticismo e avanzamento: hanno da tempo abbandonato i comandi manuali per passare a quelli di natura psichica ed esoterica. Non stupisce che i loro piloti, sempre donne, siano figure religiose o mistiche. Il loro ruolo nella Stellar League è quello di custodi del sapere: i Karshian studiano da secoli qualsiasi aspetto della vita galattica, con particolare propensione per la storia e gli aspetti antropologici. Le Torri della Memoria, che campeggiano sulla loro capitale Vidyl, esistono da tempo immemore e racchiudono la cronostoria più accurata reperibile sulla galassia.
La loro religione si basa sulla contemplazione, più che adorazione, di Luthana, divinità asessuata che risiede al centro dell’universo, dal quale acquisisce la conoscenza. È lei ad aver donato il pensiero cosciente ai Karshian tramite i suoi sogni, gli stessi con cui svela i segreti universali. Per questo motivo, le Karshian sono riverite in tutta la Stellar League per la loro sapienza e occupano tra i posti più alti nel direttivo. I loro templi sembrano più degli atenei che luoghi di culto.
I maschi della specie non sono bistrattati o maltrattati: godono di ampi privilegi, hanno il diritto di sposarsi e scegliere la futura moglie, i compensi per le loro mansioni sono equi. L’unica barriera tra i sessi sono le occupazioni: mentre le donne si occupano della prosperità karshian, gli uomini fungono da manovalanza. A differenza delle più mistiche donne, gli uomini si sono rivelati nel tempo ottimi meccanici, ingegneri e artigiani, sebbene non al livello dei Vendar. Ricevono regolarmente un’istruzione pari alle università terrestri.
L’esercito è composto principalmente da uomini, il cui grado però non arriva mai oltre a quello di sergente; le posizioni di comando vero e proprio sono occupate dalle donne, spesso Ultrabeings. Le donne soldato, per quanto non comuni (ma in numero sufficiente per l’esercito), vengono ancora viste come un’onta per la famiglia, impossibilitata ad occupare i ranghi più alti della società. Si rivelano al livello degli uomini e diventano figure carismatiche per tutti i soldati, tanto da dimenticare di aver arrecato danno allo status familiare.
I Karshian, a dispetto di un esercito di tutto rispetto, non sono famosi per le loro mire espansionistiche; finora, una manciata di sistemi è stata sufficiente a coprire i loro bisogni. L’ampia conoscenza del passato universale ha segnato i Karshian con una vena di cinismo nichilista e, seppur inclini allo humour, tendono a vedere le cose in maniera negativa. Vidyl, la loro capitale, rispecchia perfettamente questa loro attitudine fatalista: è infatti costruita su quattro immense navi stellari che permetterebbero di salvare almeno i capi della civiltà in caso di attacco o calamità inaspettata. A quel punto, sarà Luthana a guidarli verso una nuova prosperità.

Karshian

Spirit of the Galaxy QuantumStar